Bagno: come collocare i sanitari?

bagno collocare sanitari

Non importa quale sia il tipo di intervento che avete deciso di praticare nei confronti del vostro bagno: non esiste una regola precisa e universale su come collocare i sanitari al suo interno. Quando si pensa ai sanitari viene quasi spontaneo immaginare ai vari elementi che lo compongono, ovvero lavabo, doccia, water, bidet e vasca.

Tuttavia, quando dobbiamo ristrutturare un bagno o dobbiamo progettarne uno completamente nuovo, la cosa che più ci preoccupa è quella di sistemare al meglio ogni elemento che lo caratterizza, in modo da renderlo perfetto dal punto di vista estetico.

Per questo motivo, abbiamo deciso di fornirvi alcuni preziosi consigli su come collocare i sanitari in bagno partendo da zero.

Accorgimenti e consigli per collocare i sanitari in bagno

Se dovete acquistare dei sanitari, la prima cosa da fare è quella di calcolare l’ingombro in maniera semplice e perfetta.

Per questo motivo, ma soprattutto per poterci riuscire senza problemi, dovrete prendere delle scatole di cartone e ritagliarle a misura di water, lavabo e bidet; altre scatole dovranno essere schiacciate per rappresentare il piatto della doccia o una vasca da bagno.

Così facendo potrete calcolare al meglio distanze e dimensioni, riuscendo di conseguenza a valutare le migliori soluzioni degli elementi da comperare e collocare in bagno.

In commercio esistono sanitari dalle forme e dalle dimensioni più disparate, pertanto consigliamo di fare delle prove nel vostro bagno prima di dedicarvi all’acquisto.

bagno come collocare sanitari

Per quanto riguarda il water, ricordate che dovrà essere sistemato sotto lo sciacquone, considerato il fatto che proprio quest’ultimo dovrà trovarsi perpendicolarmente.

Il bidet dovrebbe essere collocato accanto al wc: la distanza perfetta è di circa 30 centimetri, in modo da evitare l’urto con le ginocchia quando si è seduti.

Il piatto doccia vede diverse tematiche d’argomento: se avete deciso di acquistare, ad esempio, una cabina ad angolo, la posa dovrà essere eseguita nell’angolo di una parete.

Se lo scarico è stato impostato in precedenza, scegliete quella zona per sistemare la vostra doccia o la vostra vasca.

Per quanto riguarda il lavabo potrete scegliere da forme e misure diverse, poiché c’è molta più possibilità di scelta, nella maggior parte dei casi, il lavabo è sempre abbinato a dei mobiletti o a delle sagome particolari o tradizionali.

Ovviamente non siete obbligati a comperare questi dettagli aggiuntivi, lasciandolo semplice.

Tuttavia, nel caso in cui vogliate conferire al vostro bagno un aspetto più autentico, potrete trovare diverse soluzioni ovali, quadrate o tonde in base al design che desiderate apportare alla vostra stanza.

Nonostante possa essere collocato ovunque, ricordate che il lavabo necessita di una parete piuttosto ampia, valutando anche le giuste misure per poter sistemare uno specchio al di sopra.

Una volta sistemati alla perfezione tutti i sanitari, potrete completare l’arredo del bagno come meglio preferite: via libera a mobiletti di grandi, medie o piccole dimensioni a seconda dello spazio disponibile, ma anche le mensole sono ben accette, utili per riporre prodotti di bellezza, cosmetici e prodotti per l’igiene personale.

Speriamo che grazie ai nostri consigli possiate collocare i vostri sanitari nel modo più giusto, progettando così il vostro bagno perfetto.

 


Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui Social Network e se vuoi lascia un commento in fondo alla pagina!


Unisciti a FaceHome!

Ti piacerebbe ricevere via email periodicamente e GRATUITAMENTE buoni sconto, coupon, news per la casa, l'ufficio, il negozio e non solo?

Iscriviti tramite il form sottostante e ottieni subito il tuo primo coupon di sconto per gli acquisti di casa!

 

Inserisci il tuo nome e la tua migliore email
(niente spam, lo odiamo quanto te)


(le immagini contenute nell'articolo sono state reperite in rete, qualora le stesse andassero a ledere eventuali diritti di proprietà basterà comunicarcelo e provvederemo a rimuoverle oppure a citare come fonte il titolare di tali diritti)